La Palmese s’è desta

di Francesco Lacquaniti
di Francesco Lacquaniti

 

Si conclude il mese di gennaio e i neroverdi, privi degli squalificati Cassaro, Corso e Lavilla (con quest’ultimo, comunque, convalescente, e sulla via del recupero, dopo l’intervento chirurgico, al setto nasale, della scorsa settimana), dopo essersi risollevati conquistando sette punti nelle prime tre giornate del girone di ritorno, sono impegnati nella trasferta campana contro la Sarnese di Esposito che, seppur invischiata nelle sabbie mobili della zona play out e reduce dalla disfatta di Rende, è pronta all’immediato riscatto.

 

Le due squadre, dopo aver osservato un minuto di raccoglimento per le vittime delle fin troppo martoriate terre abruzzesi, danno il via alle ostilità, agli ordini dell’arbitro Tucci di Ostia Lido, in una giornata soleggiata al cospetto di circa duecento spettatori ma con gli immancabili supporters neroverdi sempre presenti nel sostenere i propri colori.

Dopo un primo scorcio di gara senza occasioni degne di nota la Palmese, alla prima vera incursione, sfiora la marcatura con Dorato, la cui conclusione vede opporsi Sorrentino, ma l’appuntamento con la rete, per l’undici neroverde, è solo rimandato, infatti, alcuni minuti dopo, una felice intuizione di Crucitti pesca Bonadio, in area di rigore, che supera l’estremo guardiano granata in uscita. La Sarnese cerca di replicare, non riuscendo a incidere, e il primo tempo termina, così, con i neroverdi avanti di una rete.

Inizia la seconda frazione di gioco e, dopo un tentativo dei padroni di casa con Tammaro che trova pronto Pellegrino, sono i neroverdi ad andare vicini al raddoppio con Crucitti che, con un millimetrico calcio di punizione, incoccia i legni della porta di Sorrentino. L’undici di Esposito non ci sta e cerca di scuotersi ma i neroverdi, che, nel frattempo, perdono per infortunio Cinquegrana sostituito da Andiloro, gestiscono il prezioso vantaggio, senza far correre eccessivi rischi a Pellegrino, il quale, dopo qualche sortita degli avanti granata andata a vuoto, si rende autore di un intervento ruvido su Figliolia che fa sobbalzare i padroni di casa, che reclamano un possibile calcio di rigore, con l’arbitro che, invece, decreta un calcio di punizione a favore dei neroverdi. Svaniti gli ultimissimi assalti della compagine campana, ed esauritosi il cospicuo recupero, il triplice fischio finale del direttore di gara decreta, così, la terza vittoria esterna della Palmese che sbanca, per la prima volta nella sua storia, il Felice Squitieri al cospetto della Sarnese.

 

Vittoria che, pur non facendo registrare un ulteriore balzo in classifica, per le concomitanti vittorie di Turris e Gela, mantenendone, comunque, una preziosa settima posizione, conclude un mese di gennaio quasi da dieci e lode per l’undici di Dal Torrione in attesa della supersfida casalinga di domenica prossima contro l’Igea Virtus.

Il giornale cartaceo è disponibile in tutte le edicole della Piana a soli € 1,50 oppure puoi riceverlo a casa tua semplicemente abbonandosi on line!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

ARTICOLI DI ALTRE CATEGORIE

ULTIMI ARTICOLI SPORTIVI

Una Palmese inarrestabile batte l’ostico Gela e intravede i play off
>> leggi di più

La School Volley Taurianova cade a Roccella
>> leggi di più

Oppido festeggia il Carnevale con la sfilata dei carri, chiacchere e salsicce
>> leggi di più

“Corpo estraneo”, il nuovo romanzo di Annarosa Macrì, il 4 marzo A Gioiosa Jonica nella ricorrenza della Giornata Internazionale delle Donne.
>> leggi di più

DELIANUOVA E’ TEMPI ‘I ‘NA VOTA CU’
>> leggi di più

PUBBLICITÀ

Clicca sulle pubblicità per vedere le info a schermo intero

PUBBLICITÀ

Clicca sulle pubblicità per collegarti ai loro siti web o pagine Facebook


Commenta l' articolo