ANCHE ALESSANDRO MANZONI SARA’ SANTO

di Filippo Marino
di Filippo Marino

 

PRESENTATA DAL MARIOLOGO MARINO LA RICHIESTA UFFICIALE IN VATICANO

 

Dopo Dante Alighieri anche Alessandro Manzoni sarà “santo”. Lo sostiene il prof. Filippo MARINO, insigne mariologo, filologo e uomo di Scuola che proprio il giovedì santo ha presentato alla Presidenza della Sacra Congregazione per le Cause dei Santi in Vaticano una documentata domanda volta ad ottenere la discussione per la glorificazione del noto letterato milanese.

 

La proposta, inoltre, è stata presentata dal prof. Marino a duecento anni tondi tondi dalla composizione degli Inni Sacri che proprio nel 1812 videro la luce coronando con l’adesione totale del Nostro alla dottrina cristiana un periodo opinabile della vita dell’artista che conobbe prima anche l’adesione extra fidem al giansenismo.

 

Ma il Manzoni è noto soprattutto per i PROMESSI SPOSI, il capolavoro della letteratura italiana, secondo solo forse alla Divina Commedia di Dante Alighieri, di cui pure è in corso il processo di beatificazione in Vaticano.

 

Basta scorgere nell’opera del Milanese al cap.23 il franco dialogo tra il Cardinal Federigo e l’Innominato per intuire a primo acchito come la conversione di quest’ultimo si bilancia sostanzialmente da poche e definitive battute. “Dio,Dio ! Se lo vedessi, se lo sentissi !” : l’itinerario della Fede di Alessandro Manzoni passa anche – come sostiene Filippo Marino nella Lettera di Petizione al Cardinale Angelo Amato Prefetto della Sacra Congregazione delle Cause dei Santi – per l’interiore tormento e per le gravi vicissitudini familiari per le quali il Nostro è stato assai provato in vita: basti tra tutte citare la morte della sua prima moglie Enrichetta Blondel avvenuta nel 1833 e della stessa seconda moglie Teresa Borri Stampa risalente al 1861.

 

Le festività della Chiesa furono tra il 1812 e il 1822 la bussola di marcia con la quale il Grande dell’800 seppe trovare non solo la rievocazione del fatto liturgico ma anche la profonda riflessione che condussero il poeta-scrittore a ricavare un ammaestramento totale per i tempi maturi.

 

Perciò dopo sbandamenti e traversie letterarie e di vita Alessandro Manzoni non coglie solo l’esperienza mistica di un singolo individuo ma nella sua corale dimensione letteraria vi intravede la specificazione ecumenica per la ritrovata Fede cristiana.

 

Proprio questo rende il Manzoni  cristiano e Santo – afferma il prof.Marino – interprete sicuro di un orientamento che superando i tradizionali canoni scolastici ne configura appieno la figura degna di promozione paradigmatica e umana, capace di re-riorientare studenti e persone che a Lui ricorreranno come Beato e Santo.

Il giornale cartaceo è disponibile in tutte le edicole della Piana a soli € 1,50 oppure puoi riceverlo a casa tua semplicemente abbonandosi on line!


Commenta l' articolo

Scrivi commento

Commenti: 0