Premio Pina Alessio

di Caterina Sorbara
di Caterina Sorbara

Si è svolta a Gioia Tauro nell'antica Sala Fallara, la terza edizione del Premio "Pina Alessio" , prestigioso riconoscimento istituito in memoria del medico gioiese, prematuramente scomparsa nel 2012 a San Zenone degli Ezzellini.

 

Il premio, interamente realizzato dallo scultore Cosimo Allera,  è andato alla Fondazione "Opera San Francesco per i poveri Onlus" (Osf) di Milano ed è stato ritirato dal presidente  Padre Maurizio Annoni.

 

Presenti alla cerimonia, oltre al presidente del sodalizio gioiese, Giuseppe Alessio; il sindaco Giuseppe Pedà; l'assessore alla cultura Francesco Toscano e  Antonio Marziale, Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Calabria.

Ha presentato e moderato l'evento, Maria Teresà Bagalà, responsabile comitato culturale della Fondazione Alessio.

 

Dopo i saluti del presidente Giuseppe Alessio che ha illustrato le motivazioni del premio e le attività della fondazione; il sindaco di Gioia Tauro Giuseppe Pedà, si è soffermato sulle attività della sua amministrazione in favore delle famiglie bisognose gioiesi  e sulla necessità di una rivoluzione culturale per la città.

Subito dopo Antonio Marziale, ha annunciato che insieme al Commissario straordinario alla Sanità Massimo Scura, si stanno attivando per aprire nella nostra regione la rianimazione pediatrica.

 

Marziale si è poi soffermato sul problema dei migranti che non possono essere abbandonati.

 

A seguire i saluti dell'assessore Toscano e l'intervento di Padre Maurizio Annoni che, con l'ausilio di un video ha illustrato le molteplici attività della Fondazione.

Tema centrale della serata è stato il tema: "Povertà ed esclusione sociale... negazione dei diritti dei minori", moderato da Maria Teresa Bagalà.

 

La serata si è conclusa con l'emozionante momento della premiazione.

Il giornale cartaceo è disponibile in tutte le edicole della Piana a soli € 1,50 oppure puoi riceverlo a casa tua semplicemente abbonandosi on line!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Commenta l' articolo